Ticket pasto, perchè?

Inserito da Sergio Figuccia
Set 10 2009
Visite: 1970

In Italia esistono società inutili che non producono nulla e che non offrono servizi di alcun tipo, se non quello di emettere mensilmente piccoli fogli di carta, come se battessero moneta: i TICKET-PASTO, con il beneplacito della Banca d’Italia e delle aziende che devono destinare questi soldi al personale.

Lo spirito dell’iniziativa è quello di defiscalizzare questi benefit per i lavoratori, ma in realtà è un modo per ufficializzare alcune società-fantasma che non hanno niente da offrire al mercato e vivono (come le sanguisughe) a scapito dei lavoratori; strano a dirsi queste società non falliscono mai, sono resistenti a tutto, crisi mondiale compresa.

Prendono soldi veri dalle aziende e distribuiscono alternativi blocchetti di carta da poter utilizzare nei bar, nei ristoranti ecc.  

Poi qualcuno li perde, qualche altro muore e non li utilizza, qualche altro ancora li dimentica in tasca facendoli scadere (ovviamente hanno pure una scadenza …trattandosi di “alimenti”) o non vengono accettati, .. così una fettina della “torta” finisce nel nulla.
 
Le “sanguisughe” dovrebbero restituire la porzione alle aziende, che hanno pagato anticipatamente,…ma il tutto finisce probabilmente nelle loro tasche, aumentando i profitti di queste fantaziende nate forse per far dirigere qualcosa ai “figli di papà” ancora disoccupati.
Perchè non accreditare sugli stipendi, come una volta, gli importi destinati alla mensa, eliminando questo giro di “pizzini” legalizzati?

You must be logged in to post a comment.

Trackback URL for this entry