Pancioni d’oro

Pubblicato il: 19 novembre 2013 alle 7:19 am

Visite: 1129

Al link http://goo.gl/RMCVIv si può leggere un interessante articolo sulla mozione, presentata dal Movimento 5 Stelle, sulle indegne e anacronistiche “pensioni d’oro” di un sistema previdenziale italiano che continua a spargere denaro con grande generosità solo e sempre agli stessi individui, che si sono arricchiti con la solita “gallina dalle uova d’oro” (la politica).

Questa è una mozione che andrebbe sostenuta con forza dal popolo italiano, anche scendendo in piazza e puntando con i cortei su Roma, capitale della mafia-politica che permette a una oligarchia di “vecchi immortali” (non si capisce perchè il destino si accanisce a tenerli in vita per così tanto tempo) di succhiare mensilmente quantità immense di denaro pubblico dalle asfittiche casse dell’INPS alla faccia di tanta gente costretta a vivere con meno di 500 euro mensili, o di lavoratori condannati ai lavori “forzati”, fino a età improponibili in qualsiasi altro paese del mondo (67, e si parla anche di 70 anni), o addirittura a morire di stress durante un periodo lavorativo divenuto ormai lunghissimo (c’è gente che sarà costretta, dalla leggiaccia fornero-monti, a lavorare per oltre 50 anni).

In un paese ridotto allo stremo dalla dispotica e strangolante governance dell’unione europea, non è possibile mantenere inequità e iniquità di questo genere, che permettono a un “tizio qualunque” (perchè di questo si tratta, non sono di certo semi-dei a ricevere le pensioni d’oro) di incassare pensioni, che raggiungono anche90.000 euro mensili, mentre contemporaneamente migliaia di altri pensionati devono accontentarsi di poche centinaia di euro.

Questa è discriminazione sociale, povertà indotta dal sistema che continua a “premiare“, purtroppo soprattutto nel periodo della quiescenza, individui che per decine d’anni in precedenza hanno intrallazzato, sgomitato, complottato, facendosi sempre supportare, durante la loro carriera, dai partiti, dalla massoneria, dalla delinquenza organizzata… da chiunque insomma potesse concedergli certi ruoli appaganti per il loro sporco ego e per le loro sporche tasche.
Individui così non hanno spesso neanche meriti, non hanno apportato nulla alla crescita dello stato italiano, anzi hanno fatto perfino danni incalcolabili….  eppure oggi continuano a raccogliere benefici e anche nuovi incarichi politici che contribuiscono alle loro inspiegabili rendite milionare.
Si difendono invocando i “diritti acquisiti“, in una nazione che ormai dei “diritti acquisiti” se ne fa proprio un baffo.

Le pensioni d’oro percepite da una minoranza di cittadini sono uno scandalo inaccettabile.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.