Un umile consiglio a Rosario Crocetta

Pubblicato il: 17 gennaio 2014 alle 6:00 am

Visite: 1169

A proposito delle sue ultime dichiarazioni, vorrei ricordare a Crocetta che non è stato eletto Presidente della Regione Siciliana a furor di popolo, ma per decisione dei vertici dei partiti che l’hanno prima incoronato candidato e poi l’hanno sostenuto.

Infatti, alle consultazioni regionali siciliane ha ottenuto il 30,477% mentre le liste della sua coalizione il 30,462%. Quindi appena l’esigua percentuale superiore ai voti ottenuti dalla coalizione dello 0,15%.

Se consideriamo le divisioni verificatesi all’interno del centro destra con le candidature di Gianfranco Miccichè, che ha raggiunto il 15,415%, e Nello Musumeci con il 25,733%, si evince chiaramente la mancanza di fiducia nei confronti di Crocetta, predominante nel popolo siciliano.

Pertanto mi permetto di consigliare al predetto di stare con i piedi per terra e di non sputare sui partiti e le persone che l’hanno sostenuto.

Non è corretto strumentalizzare le indagini giudiziarie in corso, chiunque ne sia oggetto, e Lui, da buon credente, dovrebbe ricordare che Gesù Cristo disse la famosa frase “chi è senza peccato, scagli la prima pietra”.

Rosario Crocetta si passi prima la mano sulla propria coscienza,  e dopo aver meditato,  se si ritiene ancora immune da tutto, faccia pure ciò che ritiene più opportuno.

Autore dell'articolo: Carmelo Raffa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.