Tag:, , , , , , , ,

Primo maggio, nulla da festeggiare

Visite: 130

Sulla festività del primo maggio condividiamo l’articolo che il nostro Carmelo Raffa ha pubblicato su “inuovivespri.it”.

<< Nella nostra Isola non c’è proprio nulla da festeggiare. La disoccupazione cresce e i giovani laureati lasciano la Sicilia. Servono provvedimenti in grado di dare una scossa alla nostra terra: per esempio, la totale defiscalizzazione per le imprese e per i dipendenti.

In Italia l’occupazione cresce ma in Sicilia e nel Meridione non si intravedono segnali di ripresa. Moltissimi giovani preparati e che avevano conseguito il massimo dei voti nelle Università continuano ad abbandonare la propria terra per andare a cercare fortuna in altre Nazioni e principalmente negli altri Paesi dell’Europa.

L’unica novità per il momento è costituita dal “Reddito di cittadinanza” introdotto grazie alla forte determinazione del Movimento Cinque Stelle, ma se non verrà finalizzato a sbocchi occupazionali può costituire un boomerang e potrà essere additata come l’ennesima misura di assistenzialismo per il Sud.

Occorre che il Governo affronti seriamente la questione meridionale e ciò potrà essere fatto adottando misure forti a sostegno delle imprese dei territori deboli e del Mezzogiorno.

In passato su altri quotidiani on line e con altri Governi avevamo lanciato una proposta che, se applicata, potrebbe rilanciare l’occupazione nel Meridione:

“Nei territori deboli e ad alto tasso di disoccupazione per i neo assunti si applicherebbe la totale defiscalizzazione sia per le imprese che per i dipendenti e ciò per un periodo di anni 10”.

In questo modo si garantirebbe un reddito minimo netto di mille euro al mese per i neo occupati e niente tasse per le imprese.

Nessuno potrebbe gridare allo scandalo, visto che altre Nazioni europee hanno adottato queste misure nel recente passato. Non dimentichiamoci di quello che è stato fatto in Germania per dare ossigeno ai cittadini della Germania Est.

Il Governo e i politici siciliani hanno il dovere di non fare arretrare ulteriormente la Sicilia e il Mezzogiorno e per fare ciò occorre spirito innovativo e d’inventiva.

Speriamo che ciò accada per dare la possibilità a tanti giovani di rinunciare a partire con la valigia di cartone e a un vecchio sindacalista di festeggiare il Primo maggio.>>

 

Autore dell'articolo: Carmelo Raffa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.