Tag:, , , , , , , , , , ,

Città invivibili per i portatori di handicap

Visite: 124
Abbiamo ricevuto dal nostro lettore Antonio Montoro di Biella questa nota che riguarda un grave problema legato alla mobilità dei portatori di handicap.
Considerata l’importanza che l’argomento riveste in campo sociale riportiamo interamente il relativo testo:
 
“Cara Redazione, scrivo a voi nella speranza di trovare accoglienza riguardo un problema che sta frenando la mobilità dei portatori di handicap.
Quasi tutte le città d’Italia con ZTL sono dotate di telecamere, per evitare accessi impropri.
Questo sistema di controllo va diffondendosi anche nei piccoli centri.
Come tutti sanno i portatori di handicap hanno il diritto di accedere alle zone interdette al traffico esponendo ben visibile attraverso il parabrezza anteriore l’apposito tagliando azzurro.
Peccato che le telecamere riprendano la parte posteriore delle auto.
Da alcuni anni ogni volta che un portatore di handicap incappa nel sistema di videosorveglianza deve sobbarcarsi l’onere sia in termini di tempo, sia in termini di spesa per dimostrare di avere libero accesso, producendo una quantità notevole di documenti.
Va considerato altresì che la documentazione richiesta varia da comune a comune.
Possibile che non si possa creare una banca dati nazionale delle targhe autorizzate?
Una persona con disabilità, se desidera visitare città d’arte e luoghi di cultura, a fronte delle difficoltà sopra descritte, probabilmente vi rinuncerà.
Sono convinto che sia giunto il momento di mettere fine a questa situazione che, in contrasto con l’orientamento politico-sociale in materia di abbattimento delle barriere architettoniche, sta complicando la vita di chi, anche nella malattia, lotta ogni giorno per essere libero e autonomo.
Grazie
Antonio Montoro – Biella”

Autore dell'articolo: admin

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.