Istat è IgNobel

Inserito da admin
Set 19 2014
Visite: 2659

 

L’Università di Havard assegna ogni anno a Boston, da ben 24 anni, i premi “IgNobel” per le più stupide e insulse ricerche effettuate al mondo in tutti i campi della scienza (dalla statistica, alla fisica, dall’elettronica all’informatica ecc. ecc.).

 

Ebbene quest’anno l’Italia è riuscita a primeggiare anche in questo, ormai ci conoscono in tutto il mondo per la nostra capacità di varare “minchiate” transoceaniche.

 

Il premio “IgNobel” è stato vinto infatti dal nostro “istituto nazionale di statistica”, sì, proprio quello che ha “calcolato” il parametro sulle aspettative di vita fino al 2050 (e forse oltre) che è stato utilizzato speculativamente dal governo monti e dalla fornero per aumentare a dismisura l’età pensionabile degli italiani, accorciandone la vita non-lavorativa.

 

Stavolta però la “perla” che ha fatto vincere l’ignobile premio all’istat è stata l’inclusione nel calcolo del PIL delle attività illegali, prima “patrimonio” esclusivo della malavita organizzata. Noi di Striscia la Protesta abbiamo segnalato questa incredibile “genialata” per ben due volte quest’anno: il 23 maggio e il 23 agosto, ma evidentemente gli unici a soppesare la gravità e l’immoralità della notizia, sfociata nel grottesco, sono stati gli studenti e i professori di Havard attribuendo il “giusto” riconoscimento di “IgNobel” ai “creativi” ricercatori italiani; nel nostro paese la cosa, invece, non ha fatto nessuno scalpore né generato alcuno scandalo…. siamo ormai abituati a TUTTO.

 

Per la cronaca gli altri premi “IgNobel” sono andati all’università di Bari (altra medaglia di “pollo” per un ente italiano) per aver misurato il potere ‘antidolorifico’ dell’arte e ad alcuni ricercatori giapponesi per aver misurato i coefficienti di attrito della buccia di banana.

One Response

  1. […] mondiale con l’assegnazione del “Premio IgNobel” nello scorso mese di settembre (vedi il nostro articolo), eppure ha ancora il coraggio di emettere “profezie” statistiche sul futuro economico […]

You must be logged in to post a comment.

Trackback URL for this entry