Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Attenzione alla truffa informatica che ti abbona a vita

Visite: 305

Segnaliamo l’ennesima truffa on line che utilizza il solito sistema dell’abbonamento automatico che scatta dopo qualche giorno da una registrazione estorta con l’inganno.

Netflix controlla spesso i dati sui nuclei familiari per evitare frodi sugli abbonamenti alla nota piattaforma di streaming che non prevedono accorpamenti di nuclei familiari diversi, ma per favorire gli utenti in questo controllo propone un QR code sullo schermo televisivo da inquadrare tramite cellulare.

La procedura però è stata in qualche modo “hackerata” con l’inserimento di un link che porta a un sito farlocco (https://downloadinghere.com/it_it/register-account-now?isFlagPage=1). Il sito “downloadinghere.com” finge di proporre gli stessi servizi di Netflix e sembra risultare parte integrante dell’operatività di Netflix, ma come potete vedere dallo screenshot dello schermo del cellulare, sotto il link di verifica di Netflix appare (indicato dalla freccia) un link (che provvederemo a segnalare a Netflix) che riporta al sito dall’improponibile nome “downloadinghere.com“.

A quel punto viene richiesta la carta di credito per “proseguire” e si scopre che dopo aver acquisito i dati il sito fa scattare un addebito di 1 euro che viene “giustificato come abbonamento per 3 giorni”, se gli utenti non cancellano la registrazione entro il terzo giorno giorno scatta automaticamente un “abbonamento mensile di 59,99 euro”, come specificato in basso sull’home page del sito con caratteri MICROSCOPICI.

Il sito tra l’altro è VUOTO, nessun servizio viene prestato, anche se vengono segnalati servizi analoghi a quelli di Netflix confondendo così sempre di più l’ignaro utente. Sono presenti solo l’home page con alcuni link che portano esclusivamente a una finestra di registrazione che a sua volta porta al modulo di acquisizione dei dati della carta.

La perla finale però è che RISULTA IMPOSSIBILE REVOCARE L’ABBONAMENTO come invece viene segnalato nei termini contrattuali anch’essi evidentemente falsi e truccati perché NON ESISTE UN’AREA CLIENTI dove poter rescindere l’abbonamento come viene suggerito nel testo della policy nei casi di “ripensamento“.

IN PRATICA CHI CADE NELL’IMBROGLIO RESTA ABBONATO E TRUFFATO A VITA PERCHE’ GLI ADDEBITI SULLA CARTA NON POTRANNO ESSERE REVOCATI IN ALCUN MODO.

La sede del sito, al 14 gennaio 2024, viene indicata in Scozia, ma certamente si tratta dell’ennesima simulazione; prevediamo inoltre che seguiranno modifiche al sito web, come è accaduto in altri casi analoghi, per edulcorare in qualche modo la magagna già scoperta da diversi utenti.

Non potendo far altro alle vittime, una volta accertata la truffa (e spesso accade dopo diversi addebiti ritrovati negli estratti conto) non resta che bloccare la carta di credito per evitare altri danni futuri ben più gravi dell’euro iniziale addebitato, DENUNCIARE L’ACCADUTO ALLA POLIZIA POSTALE e magari, come abbiamo fatto noi, anche alla trasmissione televisiva “Striscia la Notizia” di Canale 5 che in passato si è occupata spesso di questo genere di porcherie informatiche sul web, o al programma “Report” di Rai 3 sempre molto attivo in ambito giornalistico per questo genere di denunce popolari.

La trappola è gravissima perché perpetrata tramite il sistema di controllo di Netflix e perché ancora le Autorità competenti non decidono di evidenziare con sanzioni e pene adeguate l’estrema ILLEGALITA’ DI CONTRATTI AUTOMATICI CHE SCATTANO DOPO POCHI GIORNI DA REGISTRAZIONI ESCA ANCH’ESSE ILLEGITTIME. Occorrerebbe discutere in Parlamento un forte intervento da parte governativa al fine di proporre un’apposita legge per regolamentare meglio la materia; LO STATO DOVREBBE PROTEGGERE I CITTADINI DA QUESTE TRUFFE INFORMATICHE, LE DENUNCE SONO GIA’ TANTE.

 

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento