Checco Zalone: il più grande copiato prima del week end!

Inserito da Carlo Ferlisi
Dic 10 2011
Visite: 2830

Due serate molto simili a quelle proposte da Fiorello. Checco Zalone è stato, probabilmente, incaricato di contrastare la performance di Rosario Tindaro da Augusta, ma il risultato è stato palesemente inferiore alle aspettative.

Ottimo musicista, ottimo caratterista (sublimi imitazioni di Vendola e Cassano), un po’ meno bravo come intrattenitore e accompagnato da un fisico, il suo, che non buca per niente lo schermo. Insomma, per farla breve: “a Checco, non sei Fiorello” .

Ha colpito l’eccessiva somiglianza del teatro, del palco, delle luci, della scenografia, del copione. Ospiti famosi (Laura Pausini, Al Bano, Daniele Silvestri, Al Jarreau) come da Fiorello, “costretti” a fare “cose comiche” come da Fiorello; comicità semplice come da Fiorello, imitazioni (Vendola e Cassano) come da Fiorello (Morgan e Arisa).

L’unica differenza – chiamiamola tecnica – sta nel fatto che Fiorello non sa suonare il pianoforte ed ha avuto bisogno del contributo del Maestro Cremonesi (gran professionista). Checco Zalone ha invece dimostrato di sapere suonare, e molto bene, sia il piano che la chitarra: veramente bravo. Anche la band di Raiuno ha vinto la partita per qualità e numero di componenti.

Zalone è un sanguigno, che dice tutto quello che pensa, che ha nel suo repertorio una serie infinita di parolacce e doppi sensi erotico-sessuali. A molti, la prima puntata è sembrata estremamente “volgaruccia”. Infatti la seconda puntata è rientrata nei canoni delle cosiddette prime serate, con una netta diminuzione di frasi e riferimenti border line.

Ma a parte i risultati dell’Auditel, nettamente e indiscutibilmente a vantaggio di Fiorello, tutto il programma di Raiuno ha dimostrato la sua superiorità a livello di spettacolo e di contenuti. Vuoi vedere che la canzone di Benigni (per niente piaciuta a parecchia gente) sia stata un preciso, velato accostamento alla trasmissione di Zalone???

La Sicilia/Fiorello ha battuto la Puglia/Zalone; la Rai, una volta tanto, ha “trombato” Mediaset!

One Response

  1. Santokenonsuda ha detto:

    Per ogni trasmissione è previsto un copione….ti sei mai chiesto perchè si chiama così??
    Ecco!! Questa ne è la spiegazione: “La spiegazione del copione di Zalone”.
    Certo non tutte le ciambelle nascono col buco, e Checco non è riuscito a bucare nè la ciambella nè lo schermo…ma, tutto sommato, ha fatto anche lui spettacolo.
    Comunque meglio la brutta copia di Fiorello di certi inguardabili e indegni programmi da “corpo sciolto” (per dirla alla Benigni) come il “Grande Fratello”, “Uomini e donne” o “La pupa e il secchione”

You must be logged in to post a comment.

Trackback URL for this entry