Tag:, , , , , , , , , , , ,

Costa più l’assicurazione che l’autovettura

Visite: 5632

 

Un lettore di Palermo ci ha segnalato un endemico problema del quale non ci siamo mai occupati: il caro-assicurazioni.

Ecco cosa ci ha scritto:

“ma come cavolo si fa a mettersi in regola con l’assicurazione obbligatoria quando la mia compagnia mi chiede ben 450,00 euro per rinnovare la mia polizza RCA?  Tra l’altro la mia è un’auto per modo di dire … e’ piuttosto un ferrovecchio ambulante, e in 6 mesi il premio è aumentato di 120 euro nonostante da diversi anni non ho incidenti e risulto già in classe uno. Risultato?? non potrò più camminare in automobile perchè non posso pagare una simile cifra.

In tv ci danno notizie di continui aumenti degli automobilisti che circolano senza assicurazione o addirittura con tagliandi falsi, certo sono fuorilegge ma non mi sembrano neanche tanto legali le fregature che ci impongono le compagnie di assicurazione con i loro continui aumenti.”

Abbiamo contattato al riguardo un agente della Compagnia Milano Assicurazioni, proprio quella segnalata dal lettore anche se nell’incertezza si tratti proprio dello specifico sportello oggetto della comunicazione.

L’Agente ci ha precisato che la Compagnia Milano non ha assolutamente aumentato il costo delle proprie polizze negli ultimi 6 mesi, anzi ha tenuto a fare presente che dal prossimo 1° settembre sono previste sensibili diminuzioni in tal senso.

Per quanto riguarda invece gli automobilisti fuorilegge sono in prospettiva prossimamente pesanti stangate “informatiche”.

Il vecchio tagliando  cartaceo infatti fra poco tempo sparirà, anzi per dirla in burocratese verrà “smaterializzato“; il decreto Monti prevede appunto l’attuazione di un certificato elettronico che potrà essere letto dalle telecamere piazzate ormai un po’ dappertutto per le strade italiane con un riscontro automatico sulla banca dati dell’ANIA … chi si muoverà su autovetture non assicurate verrà multato automaticamente.

Per concludere quindi facciamo due osservazioni:

  • –        al nostro lettore suggeriamo di approfondire le motivazioni per le quali il suo agente assicurativo gli ha imposto l’aumento.
  • –        A tutti gli altri nostri lettori ricordiamo invece le previsioni che George Orwell aveva fatto nel suo romanzo “1984” … con una differenza di  meno di 30 anni tutto ciò che lui aveva previsto in campo di “controllo” sulla popolazione si sta tristemente avverando. Il “Grande Fratello” (non la scempiaggine televisiva si intende) si sta presentando, anche se con un po’ di ritardo sui tempi previsti i sui “occhi” si stanno lentamente preparando a violentare la nostra privacy con l’alibi della nostra “sicurezza”. La cosa più assurda è la presa in giro nei nostri confronti perpetrata con la creazione di un “Garante della Privacy” che sembra invece garantire l’esatto contrario non opponendosi a simili arroganze del potere costituito.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.