La calunnia è un venticello tossico

Pubblicato il: 21 maggio 2018 alle 8:03 pm

Visite: 1309

Gran parte delle notizie economico-politiche diffuse da certa stampa e dai media collusi col sistema di potere imperante nel nostro Paese servono solo a manipolare l’opinione pubblica.

Si tratta per la maggior parte di statistiche taroccate, variazioni di parametri istituzionali (o pseudo-tali come lo spread), pubbliche dichiarazioni di euro-personaggi, più o meno quotati, volte a seminare paura fra la gente del Popolo (questo è “terrorismo”, anche se psicologico), le solite sciocchezze del fondo monetario internazionale, valutazioni negative di agenzie di rating (peraltro pure private) studiate ad arte ed emanate al momento giusto per contrastare possibili derive contro il sistema che vuole controllare tutto e tutti, ecc. ecc.

Per esempio è solo di pochi giorni fa la diffusione sui media di articoli o servizi televisivi di stizza per il “crollo” del titolo del Monte dei Paschi di Siena dell’8% in un solo giorno, guarda caso in concomitanza delle indiscrezioni sul nuovo Contratto di Governo sottoscritto dalla Lega e dal M5S.

Nessuno però ha fatto notare che durante i governi del PD il titolo è sceso oltre il 99% (da 1.400 a soli 2 euro); quindi lo “scandalo” della “stratosferica” discesa del titolo da 2 a 1,98 euro appare tanto risibile quanto artatamente strumentalizzato da chi vuole buttare fango velenoso sul nascente Governo Populista, una sorta di minaccia “mafiosa“, analoga a quelle spedite al vento da certi politici europeisti che vorrebbero intimorire l’opinione pubblica con queste strategie diffamatorie.

A questi personaggi e a questi organi di stampa o media “dedichiamo” il seguente testo:

“La calunnia è un venticello, un’auretta assai gentile che insensibile, sottile, leggermente, dolcemente incomincia a sussurrar.
Piano piano, terra terra, sottovoce, sibilando, va scorrendo, va ronzando; nelle orecchie della gente s’introduce destramente
e le teste ed i cervelli fa stordire e fa gonfiar.
Dalla bocca fuori uscendo lo schiamazzo va crescendo prende forza a poco a poco, vola già di loco in loco; sembra il tuono,
la tempesta che nel sen della foresta va fischiando, brontolando e ti fa d’orror gelar.
Alla fin trabocca e scoppia, si propaga, si raddoppia e produce un’esplosione come un colpo di cannone, un tremuoto,
un temporale, un tumulto generale, che fa l’aria rimbombar.”

E’ uno stralcio del testo del primo atto dell’opera “Il barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, anche se molti pensano che si tratti di una descrizione delle esternazioni del pd e di chi manipola il potere in Europa.
La differenza sta nel fatto che l’opera lirica è un’opera “buffa“, mentre l’operato del pd e della comunità europea è drammatico.

 

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.