Tag:, , , , , , , , , ,

A cosa servono i senatori a vita?

Visite: 1806

image

Questa stessa foto, con la stessa identica proposta, è presente su Facebook forse da oltre due anni.
Noi l’abbiamo a suo tempo condivisa, commentata, postata anche sul nostro blog di “Striscia la Protesta” …… ma, nonostante tutto, e pur avendo raccolto in tutta Italia una pletora di adesioni da poter perfino fondare un nuovo partito politico, queste due facce da “emeriti” (presidenti) sono ancora lì, incartapecorite nel loro pervicace presenzialismo cerimoniale e “scultoree” come le cariatidi dei vecchi templi greco-romani, abbandonate perfino dalla morte e dal tempo.

E proprio come le cariatidi, finiscono pure col somigliarsi fra loro.
Guardateli bene, immaginate di spostare i capelli di monti sulla testa di napolitano e di elimare la macchia a forma di “punto” sulla faccia di quest’ultimo … otterrete così il clone di un senatore a vita ….. loro infatti si moltiplicano proprio con la tecnica della “clonazione”.

Ricordiamo ai lettori solo due particolari in merito all’enorme spreco di denaro pubblico che riguarda i cosiddetti “senatori a vita”:

  • sono pagati mensilmente circa 16.000 euro cadauno, solo per questo “incarico” (percepiscono poi altri vitalizi e pensioni per diversi altri ruoli rivestiti in passato), pur essendo presenti in Senato pochissime volte (forse solo per dare appoggio di voto alla maggioranza).
  • renzi ha abolito nella sua “riforma” del Senato molte figure, ma non questi “fantasmi” strapagati che restano “a vita” sulle nostre spalle per poi essere sostituiti, alla loro morte, da altri nominativi scelti dal Presidente della Repubblica in carica. Nella riforma, che per essere tale doveva abolire interamente il Senato e non ridurne solo il numero dei partecipanti, i primi a “saltare” dovevano essere proprio i “senatori a vita”, sono rimasti invece attaccati a quelle maledette poltrone senza dare alcuna speranza agli italiani di potersi liberare di loro. Ovviamente il signor monti si è guardato bene nella sua celebre “spending review”, nonostante le centinaia di proposte al riguardo inviate a suo tempo dai cittadini al governo “tecnico” di allora, dall’eliminare i senatori a vita dalle periodiche spese statali …. si è mantenuto così il suo “posticino” post-governativo.

Autore dell'articolo: Iron Icman

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.