Vieni via con me…a fare sciopero

Pubblicato il: 1 dicembre 2010 alle 11:59 am

Visite: 5452
Dopo il grande successo di “Vieni via con me”, il programma di Fazio e Saviano su Rai3, mi voglio cimentare anche io nel proporre un elenco, proprio come hanno fatto tutti gli ospiti della fortunata trasmissione televisiva.

 

Il mio elenco riguarda tutti i cortei di scioperanti che si sono alternati, giorno dopo giorno, sulla via Ruggero Settimo di Palermo nel corso di quest’anno:
 
  • I conduttori di taxi  (vedi foto in alto del 30/11/10)  contro i politici siciliani
  • Gli studenti contro la riforma Gelmini
  • I netturbini di Palermo per il mancato pagamento degli stipendi
  • I precari della scuola contro la riforma Gelmini
  • I dipendenti dell’ATO Palermo 2 per il mancato pagamento degli stipendi
  • I dipendenti dell’AMAT contro il Sindaco di Palermo
  • I dipendenti della Fincantieri di Palermo contro i tagli previsti dall’azienda
  • La CGIL contro la manovra economica di Tremonti
  • I dipendenti dell’AMIA contro il Sindaco di Palermo per l’emergenza rifiuti
  • I dipendenti del Banco di Sicilia contro Alessandro Profumo per la creazione del “Bancone”
  • I profumieri contro il Banco di Sicilia per l’aumento delle spese di tenuta conto
  • I conduttori di carrozze contro l’obbligo del pannolone per i cavalli
  • I ristoratori contro l’aumento dei prezzi degli stuzzicadenti
  • I produttori di carta igienica contro i rotoloni che non finiscono mai
  • I danzatori di bunga-bunga contro le prese elettriche (…per il culo).
In seguito a tutti questi cortei… la Gelmini ha fatto lo stesso la riforma, Tremonti ha varato ugualmente la sua manovretta, l’attuale Sindaco di Palermo è ancora lì seduto… incollato alla sua poltroncina, Profumo, prima di evaporare, ha fatto partire il Bancone, i tagli hanno tagliato quello che dovevano tagliare, ecc. ecc.; insomma tutto è andato “come” doveva andare, ma non “dove” si voleva che andasse (a quel paese).
Scioperi e cortei hanno fatto tanto rumore per nulla…studente o lavoratore in lotta, vieni via con me, lascia perdere! Vieni a prepararti per le prossime elezioni, quella è la vera arma che ci è rimasta in mano, i robot telecomandati contro cui scioperi vanno fermati prima che possano sedersi sulla poltrona di palazzo a fare danno per conto “terzi”…a quel punto è ormai troppo tardi.

Autore dell'articolo: Sergio Figuccia

2 commenti su “Vieni via con me…a fare sciopero

    Al

    (01/12/2010 - 12:44)

    Me ne vado…perchè qui le teste sono troppo dure….
    Me ne vado….perchè qui le cose non cambiano mai….

    Sergio

    (01/12/2010 - 13:13)

    Parafrasando il dialogo di Fazio e Saviano (comunque ottimo sequel di un analogo sketch di qualche anno fa di Ficarra e Picone) mi viene da dire:
    Non me ne vado…perchè questa terra è anche mia e non la lascio in mano a loro.
    Non rassegnarti … riusciremo a cambiare le cose, nonostante le teste dure.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.