Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Il trionfo della nullità

Visite: 47
 
Trovato sui social: “Più sono falsi più sono apprezzati. Più sono stronzi più sono amati. Più sono lecchini più sono affermati. Più cresci e più ti accorgi di vivere in un mondo di merda.”
 
Tristissima verità contemporanea che si evidenzia soprattutto nel mondo della politica, dei social e dei media.
 
In quest’era disgraziata la qualità, il merito e il talento sono stati surclassati dall’incapacità, dall’inettitudine, dalla falsità e dall’arrivismo. La televisione in particolare, con il suo disgraziato obiettivo dell’audience che ha seppellito qualsiasi proposito di qualità, ha diffuso volutamente quanto di più osceno, orripilante e volgare possa essere trasmesso al pubblico. E purtroppo la grande massa degli utenti della tv spazzatura ha accettato, almeno in termini statistici di ascolto, quest’iniezione mediatica di abominio dimostrando di “gradire” certi disgustanti talk show e certi esecrabili programmi d’intrattenimento. Non facciamo nomi e titoli per non generare possibili benefici in termini di propaganda per questi orrori televisivi, ma chi ci sta leggendo sa benissimo di cosa stiamo parlando.
 
Sembra proprio che la popolazione tenda a trarre piacere a vedere sul piccolo schermo (che poi oggi è diventato anche piuttosto grande in termini di pollici) personaggi che urlano, che offendono gli ospiti che stanno accanto a loro, che gettano nel cesso la loro stessa dignità esibendosi in performance sguaiate, volgari e insulse pur di accontentare i registi, gli autori e un pubblico che, nel terzo millennio, invece di evolversi nel gusto sembra essere tornato ai tempi dei gladiatori romani e delle arene con le belve feroci. Questo è il progresso tanto auspicato e la civiltà raggiunta dall’umanità con l’avvento della tecnologia avanzata.
In tutto quest’orrore si allineano anche i social, per fortuna però in quest’ambito c’è più democrazia e le porcate di pochi (i dirigenti, i responsabili, i giornalisti e gli “attori” delle tv) possono venire neutralizzate dalla non indifferente massa di utenti validi e ancora in possesso di buone capacità intellettive e umane. Insomma i social network si reggono sulla totalità dei loro iscritti e non sul monopolio del comando da parte di pochi “eletti”, troppo spesso incapaci, arroganti e carrieristi.
 
Sta a noi dunque, pubblico televisivo e membri dei social, isolare i falsi, disamorarsi degli stronzi, non tenere in alcun conto i lecchini e gli esseri insulsi malati di protagonismo che vediamo spesso in tv o che leggiamo sui social.
 
Solo noi possiamo risollevarci dalla melma nella quale siamo costretti a dimenarci da anni: spegnamo magari la tv, non diamo alcuna importanza ai cretini sui social e scegliamo meglio sia i nostri rappresentanti politici sia gli amici in cui credere.

Autore dell'articolo: admin

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.