Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Quando le fake hanno un significato reale

Visite: 542

Solo noi italiani siamo stati capaci di subire passivamente nel 2011 le “dittatoriali frustate” di un tizio qualunque imposto al governo da un ribaltone di potere molto simile a un colpo di stato.

Da oltre 10 anni la nostra pensione è stata portata a 67 anni con la scriteriata prospettiva di arrivare a 70. I francesi sono rimasti da allora ancorati ai 62 anni (alla faccia delle regole di uguaglianza europea vi sono stati membri di serie A e stati membri di serie B), anche dopo un primo tentativo di Macron di passare a 64.

Eppure ci sono in giro cittadini che credono ancora che quell’individuo sia stato un “eroe” che ha salvato l’Italia affossando gli italiani.

La domanda è: il complottismo sta nei dictat anti-italiani di allora o nell’interpretazione razionale di quegli eventi della maggioranza del Popolo Italiano? Sta di fatto che i Francesi sono stati, e sono ancora, cittadini intelligenti che non si fanno mettere sotto dal primo servo del sistema che passa per strada.

Sull’argomento gira da tempo sui social una foto alterata che gli utenti meno acuti additano come sciocca fake senza rilevare che l’immagine è stata volutamente falsata proprio per far riflettere sui fatti che stanno accadendo in Francia, che non sono certamente delle fake dei media internazionali, così come non lo è stato l’avvento del signor monti nel 2011 per il quale gli italiani ne stanno ancora scontando i gravissimi effetti.

Ecco la foto “incriminata

Fake o non fake, ma ritenete veramente che i Francesi, con quella mole di proteste che hanno messo su in casa loro, non abbiamo notato che le pensioni degli italiani nel 2011 siano salite da un giorno all’altro da 62 a 67? E dire che in Francia l’aumento previsto dalla legge è a soli 64 anni, senza tutte quelle incredibili porcherie che ci hanno fatto inghiottire il tizio monti e la tizia fornero (per non risultare pesanti con gli aggettivi); ricordiamo infatti l’indicizzazione alle aspettative di vita (sempre in salita, anche nei casi in cui l’Istat ne avrebbe segnalato eventuali cali) sia per le pensioni di anzianità, sia per quelle contributive e con il limite temporale fissato addirittura al 2050. Ritenete dunque che la frase: “Noi non faremo la fine dell’Italia” sia così estranea al pensiero dei Francesi da far catalogare la foto come fake, per quanto effettivamente alterata?

Una fake può anche essere utile (come in questo caso) a far rilevare meglio un reale pensiero comune che i media tendono a nascondere, né più e né meno come CAPITA NELLE VIGNETTE che sono chiaramente disegni o fotomontaggi, dunque vere e proprie fake in quanto immagini personalizzate, ma che riportano ironicamente i risvolti assurdi della nostra incivile società.

 

 

Autore dell'articolo: Santokenonsuda

Lascia un commento